Le 150.000 gemme di Messier 2

Osservarlo ad occhio nudo è davvero difficile, ma basta anche un piccolo binocolo per scorgerlo, in queste sere di ottobre, verso sud, in prossimità delle due stelle più brillanti della costellazione dell’Acquario. L’ammasso globulare Messier 2, in breve M2, è stato scoperto per la prima volta dall’astronomo Giovanni Domenico Maraldi nel 1746 e dista da noi oltre 37.000 anni luce. Ha un diametro di circa 175 anni luce e raggruppa ben 150.000 stelle. Il nucleo dell’ammasso, ovvero la sua regione centrale, è assai denso: in appena qualche anno luce di estensione, sono infatti presenti tante stelle la cui massa è circa la metà di quella totale di M2. Dallo studio delle proprietà d’insieme degli astri che lo compongono, inoltre, è stato stimato che l’età dell’ammasso è di circa 13 miliardi di anni, in linea con i valori riscontrati per altri ammassi stellari di questo tipo, veri e propri ‘fossili’ dell’universo, che si ritiene abbia avuto origine 13,7 miliardi di anni fa. Ma il cielo di ottobre sarà teatro anche di spettacolari congiunzioni, che vedranno la Luna e alcuni pianeti avvicinarsi e creare splendidi panorami celesti.
di Marco Galliani (INAF)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: