Il ‘sacco amniotico’ di una giovane stella

Gli astronomi hanno studiato con successo il “sacco amniotico” di una stella che si trova nelle sue primissime fasi evolutive allo scopo di esplorare per la prima volta le regioni più interne di un sistema planetario in formazione. Nel loro articolo, apparso su Notices of the Royal Astronomical Society, i ricercatori descrivono i risultati delle osservazioni della stella progenitrice, denominata con la sigla HD 100546, che suggeriscono come l’emissione della parte più interna del disco di gas che circonda la stella centrale sia alquanto simile a quella di stelle giovani e ‘sterili’ che non mostrano alcun segno di attività di formazione planetaria. «Nessuno è stato mai in grado di esplorare ‘da vicino’ una stella che si sta ancora formando e che possiede almeno un pianeta che si trova alla minima distanza», spiega Ignacio Mendigutía della School of Physics and Astronomy all’University of Leeds e autore principale dello studio. «Per la prima volta, siamo stati in grado di rivelare l’emissione della parte più interna del disco di gas che circonda la stella centrale trovando, inaspettatamente, che essa è simile a quella di stelle giovani e ‘sterili’ che non mostrano cioè alcun segno di attività di formazione planetaria». Per osservare questo sistema stellare distante, gli astronomi si sono serviti del Very Large Telescope Interferometer (VLTI) dell’ESO che si trova in Cile. Lo strumento combina tramite la tecnica dell’interferometria il potere osservativo di quattro telescopi che hanno un’apertura di 8,2 metri, fornendo immagini così nitide che sono paragonabili a quelle di un telescopio del diametro di 130 metri. «Considerando l’enorme distanza che ci separa dalla stella, 325 anni luce, è un po’ come osservare qualcosa che ha le dimensioni della capocchia di uno spillo alla distanza di 100 chilometri», dice Rene Oudmaijer della School of Physics and Astronomy all’University of Leeds e co-autore dello studio. HD 100546 è una stella ‘giovane’, con un’età pari ad appena un millesimo di quella del nostro Sole, ed è circondata da una struttura di gas e polvere che gli astronomi chiamano disco protoplanetario, nel quale si possono formare i pianeti. Queste strutture sono comuni nelle stelle giovani ma il disco che circonda HD 100546 è molto peculiare: in altre parole, se la stella si trovasse al centro del Sistema Solare, la parte più esterna del disco si estenderebbe fino ad una distanza pari a circa dieci volte l’orbita di Plutone. «La cosa più interessante», dice Mendigutía, «è che il disco mostra una zona priva di materiale. Essa è molto estesa, circa dieci volte lo spazio che separa la Terra dal Sole (che è circa 150 milioni di Km). La parte più interna del disco di gas potrebbe sopravvivere ancora per qualche anno prima di essere intrappolata dalla stella, perciò deve essere in qualche modo rifornita continuamente. Suggeriamo che l’interazione gravitazionale dovuta al pianeta che si sta ancora formando, o possibilmente ad altri pianeti, nella zona priva di materiale potrebbe accelerare il processo di trasferimento di materia dalla parte più esterna del disco, ricca di materiale, verso le regioni più interne». Questi sistemi stellari, come HD 100546, che hanno sia un pianeta che una zona priva di materia nel disco protoplanetario sono molto rari (vedasi il caso di HR 5999 di cui abbiamo già parlato in un altro articolo). L’unico altro esempio noto è un sistema stellare in cui questa “zona vuota” presente nel disco è dieci volte più estesa rispetto a quella del presente studio. “Grazie alle nostre osservazioni della parte più interna del disco di gas di HD 100546, iniziamo ora a comprendere le fasi primordiali di stelle che ospitano almeno un pianeta su scale confrontabili con quelle del Sistema Solare”, conclude Oudmaijer.
di Corrado Ruscica (INAF)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: