Luna: qui la benzina costa meno

«L’idea», spiega Dale Tietz, «è quella di costruire una stazione di servizio nello spazio, dove il propellente per razzi possa essere acquistato a un prezzo decisamente competitivo rispetto ai costi previsti per l’invio di carburante da Terra».
Chi parla – il signor Tietz di cui sopra – è l’amministratore delegato della Shackleton Energy Company, compagnia mineraria texana con un sogno nel cassetto: costruire una pompa di benzina spaziale per rifornire le astronavi di passaggio nell’orbita bassa terrestre.
Con 1,6 miliardi di tonnellate di ghiaccio d’acqua stipate nei poli settentrionale e meridionale (vedi MediaINAF), e abbondanza di elementi chimici appartenenti alle cosiddette terre rare, nascoste sotto la sua superficie, la Luna sta diventando un terreno molto appetibile per il settore di estrazione mineraria.
A spiegare perché stia crescendo il numero di agenzie spaziali private interessate a bucherellare il nostro satellite naturale è Richard Corfield, science writer, dalle colonne del mensile Physics World: il grigio e desolante paesaggio lunare nasconde una miniera d’oro.
Da quando NASA ha abbandonato il campo quarant’anni fa con le missioni Apollo, i voli spaziali senza piloti hanno fatto un ottimo lavoro fotografando, scansionando e analizzando la Luna a 360 gradi. È così che sono stati scoperti gli importanti giacimenti di ghiaccio nelle regioni polari a nord e a sud del satellite.
«Dove c’è ghiaccio, c’è combustibile», scrive Corfield. Ed è questo che accende gli interessi del settore minerario. Si può procedere all’estrazione del ghiaccio e alla riconversione in combustibile dell’acqua: idrogeno e ossigeno buoni per rifornire i serbatoi di partner spaziali “in riserva” nell’orbita terrestre bassa.
La Shackleton Energy Company sta progettando una missione mista umana e robotica sul campo in grado di rendersi autosufficiente man mano che l’attività di estrazione prende piede (fabbricando idrogeno sul posto). Rover, strumentazione e attrezzature in loco potrebbero essere i primi a essere alimentati dal ghiaccio lunare.
Chi si sta portando avanti con i lavori per un futuro cantiere lunare è, manco a dirlo, la Cina. Il programma spaziale cinese, dopo il primo storico allunaggio nel dicembre 2013 e le lunghe passeggiate del rover Yutu, prevede ora l’invio di una navicella spaziale robotica per raccogliere una serie di campioni di terreno (vedi MediaINAF).
La Cina sta lavorando bene e certo riuscirà in tempi rapidi a portare a casa il suo pezzo di Luna. Gli asiatici vogliono costruire una base sul satellite terrestre e garantirsi un monopolio sulle cosiddette terre rare, i minerali di vitale importanza per la tecnologia terrestre – dal telefono cellulare ai computer, dagli elettrodomestici alle batterie dell’auto – sempre più costosi e difficili da reperire sul nostro pianeta. Perché non andarle a prendere sulla Luna? Bisogna vedere se il gioco vale la candela.
di Davide Coero Borga (INAF)

1 Commento (+aggiungi il tuo?)

  1. FlavioTS
    Feb 04, 2015 @ 08:58:33

    è un idea per il futuro, perchè con i costi attuali delle missioni lunari resta più conveniente lanciare qualche serbatoio in più dalla Terra. In realtà il problema nello spazio non è tanto fare l’idrolisi dell’acqua per avere energia (combustibile). Il problema è il propellente, cioè una sostanza che il satellite o il vettore butta nello spazio sfruttando un principio di azione reazione. L’ossigeno ma anche l’idrogeno possono essere usati come propellenti in sistemi di propulsione elettrici alimentati da pannelli fotovoltaici.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: