Il Leone Minore e la Lucertola

Il Leone Minore (in latino Leo Minor, Leonis Minoris abbreviazione LMi) è una piccola costellazione del cielo boreale. Raffigura un cucciolo di leone che si accompagna al Leone, introdotto dall’astronomo polacco Johannes Hevelius nel 1687. Il Leone Minore si trova tra il Leone e l’Orsa Maggiore e fu formato con stelle deboli che non appartenevano a nessuna costellazione. Le sue stelle più brillanti sono solo di quarta grandezza e non ci sono leggende associate ad essa. Cosa curiosa, il Leone Minore non ha una stella Alfa, sebbene ci sia una Beta del Leone Minore. Ciò sembra dovuto a una svista dell’astronomo inglese del XIX secolo Francis Baily. Hevelius non classificò nessuna delle stelle delle costellazioni di sua invenzione, così quest’operazione fu compiuta 150 anni più tardi da Baily. Baily assegnò la lettera Beta alla seconda stella in ordine di brillantezza del Leone Minore, ma per errore lasciò senza lettera la più brillante. Secondo lo storico R. H. Allen, Hevelius diede a questa stella il nome Praecipua, che significa «principale», ma la denominazione non si diffuse mai. Il periodo più propizio per la sua osservazione nel cielo serale ricade nei mesi compresi fra gennaio e giugno, alla pari dell’adiacente Leone; essendo una costellazione boreale, gli osservatori posti a nord dell’equatore sono molto più avvantaggiati, sebbene la declinazione della stessa non sia particolarmente settentrionale, tanto da poter essere osservata, seppur con qualche difficoltà, anche dalla fascia temperata australe.

Stelle principali

  • 46 LMi (Praecipua) è una stella gigante (sebbene non abbastanza) di classe spettrale K0 situata ad una distanza di circa 98 anni luce e con magnitudine apparente di 3,83. Praecipua è priva della designazione di Bayer e il Leone Minore, quindi, è l’unica costellazione ad avere la stella più brillante mancante di tale denominazione.
  • β LMi è una stella gigante di classe spettrale G8; stranamente, è l’unica stella della costellazione ad avere una denominazione di Bayer; il fatto risulta ancora più strano se consideriamo che con la sua magnitudine apparente di 4,21 non è neanche la stella più brillante del Leone Minore. È una stella binaria di magnitudine 4,2 e le sue 2 componenti orbitano tra loro in un periodo di 37 anni.
  • R LMi è una fredda stella variabile (di tipo Mira) di lungo periodo che varia tra una magnitudine di 6,3 ed una di 13,2 durante un periodo di 372,19 giorni.
  • 20 LMi è una stella binaria situata a soli 14,9 parsec dal Sole.

Mappa della costellazione

Il Leone Minore comprende alcuni oggetti del profondo cielo di facile osservazione con strumenti amatoriali potenti; l’assenza delle polveri galattiche consente di osservare molte galassie. Una tra le più brillanti è NGC 3344, una galassia di magnitudine apparente 10,2 con una dimensione angolare di 7 minuti c’arco, ben visibile come una macchia nebbiosa in un telescopio da 150mm di apertura e un buon ingrandimento; altre galassie di facile osservazione sono NGC 3486 e NGC 2859. Nel corso del 2007 è stato scoperto il misterioso oggetto noto come Hanny’s Voorwerp; notato dall’insegnante olandese Hanny van Arkel nel corso del progetto Galaxy Zoo, sembrerebbe ciò che resta di una nube che avvolgeva un quasar.

La Lucertola (in latino Lacerta, Lacertae abbreviato in Lac) è una piccola costellazione, una delle 88 costellazioni moderne; si trova stretta fra le più brillanti Cefeo e Cassiopea, poco spostata verso sud. La Lucertola è una costellazione minore situata nell’emisfero settentrionale, che alle latitudini medie boreali si presenta in parte circumpolare, ossia non tramonta mai completamente. Si estende sul lato meridionale della scia della Via Lattea boreale, in un tratto pure piuttosto appariscente, a sud di Cefeo; nonostante ciò, tuttavia, non contiene né stelle luminose, né oggetti di particolare rilievo, se non dei ricchi campi stellari, specialmente nella parte più settentrionale. Le sue stelle principali sono di quarta e quinta magnitudine e sono disposte a zig-zag in senso nord-sud. La costellazione è ben osservabile dall’emisfero boreale durante quasi tutte le notti dell’anno, ad eccezione di quelle di inizio primavera, quando sta sempre rasente l’orizzonte; il periodo più propizio per la sua osservazione va da luglio a dicembre, quando si trova alta nel cielo.

Mappa della costellazione

Dall’emisfero australe al contrario la sua visibilità è fortemente limitata e più essere osservata per intero solo a partire dalle regioni più settentrionali della fascia temperata, oltre che a quella tropicale

Stelle principali

  • α Lacertae è una stella bianca di magnitudine 3,76, distante 102 anni luce.
  • 1 Lacertae è una gigante arancione di magnitudine 4,14, distante 627 anni luce.

Tra gli oggetti non stellari, figurano alcuni ammassi aperti, data la presenza della Via Lattea, il più appariscente dei quali è NGC 7243, visibile anche con un binocolo. Fra gli oggetti meno appariscenti, spicca il sistema di Lacerta OB1, un’associazione OB connessa a delle tenui nebulosità in cui si sono verificati recenti fenomeni di formazione stellare; il complesso nebuloso associato non è tuttavia alla portata di strumenti amatoriali, mentre le componenti stellari appaiono disperse su un’area di alcuni gradi nella parte meridionale della costellazione. Un oggetto di interesse all’interno di questa costellazione posto all’esterno della Via Lattea è la galassia attiva BL Lacertae; essa fu catalogata tempo fa, e scambiata per una stella variabile (da qui il suo nome, tipico della nomenclatura delle stelle variabili). Scoperta la sua vera natura, ha dato il suo nome ad un’intera categoria di oggetti extragalattici piuttosto enigmatici, sedi di fenomeni violenti, gli oggetti BL Lacertae.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: