I misteri di HD 62623, supergigante blu in fin di vita

Come è possibile che HD 62623, una supergigante in fin di vita, sia circondata da un disco che generalmente è associato alle stelle neonate? Attraverso l’interferometro VLT dell’ESO, un team guidato da Florentin Millour dell’Osservatorio della Costa Azzurra e Anthony Meilland del Max Planck Institute per la Radioastronomia ha generato per la prima volta una immagine tridimensionale e spettrale di questa stella e del suo ambiente circostante. La conclusione è che una stella compagna di massa simile a quella solare sia la chiave per risolvere il mistero. HD 62623 è una stella supergigante esotica. Contrariamente alla sua ben nota gemella, la brillante stella Deneb del triangolo estivo, ed alle altre stelle della stessa classe spettrale, questa stella è circondata da un denso e complesso ambiente composto di plasma e polvere. Le stelle calde supergiganti sono molto brillanti. Il loro potente vento stellare dovrebbe prevenire la formazione di dischi tramite condensazione di polveri nei pressi della stella. Per meglio comprendere il processo di formazione di polveri nei dintorni di questa stella è utile, se non fondamentale, studiare la cinematica dei gas che si trovano in questo ambiente. Grazie alle osservazioni è stato possibile sintetizzare una immagine in 3D di HD 62623 esattamente come se si osservasse attraverso un telescopio da 130 metri di diametro. L’immagine ottenuta dopo la calibrazione combina informazioni spaziali e di velocità, mostrando non solo la forma dell’ambiente che circonda HD 62623 ma anche il suo moto, cosa che finora era stata impossibile. L’immagine riesce a localizzare la regione di formazione del disco intorno a HD 62623, mostrando chiaramente come questo sia in rotazione intorno alla stella centrale. La rotazione, tra l’altro, è di tipo kepleriano esattamente come i pianeti solari orbitano intorno al Sole. Una stella compagna, della massa simile a quella solare, potrebbe essere la ragione di questo disco. La compagna, non visibile direttamente a causa della brillantezza migliaia di volte inferiore alla principale, può spiegare le caratteristiche esotiche di HD 62623 simili a quelle del mostro galattico di Eta Carinae.
Fonte: Mystars

Annunci

1 Commento (+aggiungi il tuo?)

  1. Panasonic VIERA TC-P65GT30
    Gen 16, 2012 @ 03:05:46

    I am genuinely grateful to the owner of this web site who has shared this enormous article at here.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: