Nettuno al primo giro: 165 anni

Se l’è presa comoda, non c’è che dire. Nettuno, l’ottavo pianeta del Sistema Solare (e anche l’ultimo, da quando Plutone ha perso il titolo), ripassa dal via, nel punto esatto in cui si trovava 165 anni fa quando è stato scoperto. Il prossimo luglio concluderà finalmente il suo primo giro intorno al Sole. Il primo dalla sera di quel lontano 23 settembre 1846, in cui l’astronomo tedesco Johann Gottfried Galle puntò il telescopio dell’Osservatorio di Berlino nella posizione del cielo dove due scienziati, indipendentemente tra loro, sostenevano dovesse transitare un pianeta fino ad allora ignorato. Avevano ragione.
I due erano il matematico e astronomo francese Urbain Le Verrier e lo studioso inglese John Couch Adams. Entrambi avevano calcolato con buona approssimazione posizione e massa del nuovo inquilino del Sistema solare, a partire dalle perturbazioni osservate nell’orbita di Urano. Il pianeta numero sette, infatti, deviava troppo dall’orbita rispetto alle previsioni teoriche, un fenomeno che poteva essere spiegato solo teorizzando la presenza di un corpo più esterno di notevoli dimensioni.
La conferma ottica di Nettuno scatenò un’accesa rivalità tra Verrier e Adams e diventò una questione di stato quale dei due contendenti meritasse la paternità dell’ottavo pianeta. A distanza di oltre un secolo e mezzo, la questione non è ancora chiarita. Sembra che Adams svolse i calcoli con qualche anno di anticipo rispetto a Verrier, ma non riscosse credito, al contrario di Verrier, sulla base delle cui indicazioni vennero effettuate le osservazioni da telescopio. C’è anche da dire che le predizioni di Verrier erano più precise di quelle di Adams. A livello internazionale si è giusti a un consensuale pari merito, per quanto qualche anno fa il ritrovamento di appunti dell’epoca abbia sparigliato nuovamente le carte a favore di Verrier.
Nel frattempo, Nettuno è ancora lì che gira, adagio, lungo la sua prima orbita da quando è noto al pubblico. Tra pochi mesi, taglierà il traguardo numero uno. Va così lentamente non solo perché il percorso è molto lungo (l’orbita dista circa trenta volte di più rispetto alla distanza Terra-Sole), ma anche perché la sua velocità di crociera è bassa: 5,43 km/s, sei volte meno della velocità orbitale della Terra.
Fonte: INAF

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: